gennaio 2016

Bacche di Goji

di Massimiliano De Paola, Dottore in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, PhD

Le bacche di Goji sono i frutti di due specie particolari di piante caducifoglie che appartengono alla famiglia delle Solanacee: Lycium barbarum e Lycium chinense.

Da queste piante si ottengono estratti, frutti (freschi o essiccati) e radici che hanno una lunga storia nella medicina cinese come tonificanti e integratori alimentari, salutari per il miglioramento della vista e il mantenimento di una buona salute.

In Italia, il Ministero della Salute comprende le bacche di Goji nella lista degli estratti vegetali come integratore antiossidante (decreto legislativo 21 maggio 2004, n. 169).

Le bacche di Goji contengono numerosi micronutrienti e sostanze fitochimiche, tra cui: polisaccaridimonosaccaridi (circa il 25% del contenuto totale), sali minerali, aminoacidi, acidi grassi insaturi (tra cui gli acidi grassi essenziali: acido linoleico e acido alfa–linolenico), vitamine (riboflavina, tiamina, acido ascorbico), fitosteroli (in grado di ridurre i livelli di colesterolo), carotenoidi (β-carotene, zeaxantina, zeaxantina dipalmitato), numerosi pigmenti fenolici (fenoli) associati a proprietà antiossidanti1-3.

Le bacche di Goji hanno proprietà antiossidanti e contengono sostanze in grado di ridurre i livelli di colesterolo.

Tra queste sostanze, i carotenoidi, i polisaccaridi e le betaine (aminoacidi) sono indicati come i componenti biologicamente attivi4-10. L’elevato contenuto di carotenoidi conferisce, infatti, alle bacche un consistente tenore di provitamina A1,11 e un’elevata capacità antiossidante. La zeaxantina (nella forma di palmitato) è invece efficace nell’ambito della prevenzione e trattamento della degenerazione maculare atrofica senile12.

I dati sui potenziali effetti benefici dell’assunzione di bacche di Goji provengono, tuttavia, quasi esclusivamente da studi preclinici su modelli animali.

Le proprietà antiossidanti sono state caratterizzate in diversi test in vitro e in vivo. Tali proprietà sono per lo più attribuite alla componente polisaccaridica (LBP) e ai flavonoidi contenuti nelle bacche13-15. Per entrambi i tipi di composti, il meccanismo d’azione proposto include proprietà riducenti, chelazione dei metalli e riduzione dei radicali liberi.

La somministrazione orale di LBP diminuisce, inoltre,  i livelli di colesterolo LDL, i trigliceridi e il colesterolo totale, mentre aumenta l’attività degli enzimi antiossidanti in topi mantenuti con dieta ricca di grassi16.

Gli effetti immunomodulatori di alcune componenti delle bacche di Goji hanno attirato l’attenzione degli scienziati, anche nella prospettiva di poter sviluppare immunoterapie per il trattamento di tumori.

Sembra che alla base degli effetti antitumorali evidenziati da estratti di bacche di Goji in modelli animali vi siano delle proprietà immunostimolanti di alcuni composti. Ad esempio, l’inibizione della crescita di un tipo di sarcoma nei topi dopo somministrazione orale di LBP purificato da Lycium barbarum è stata correlata ad un aumento della fagocitosi dei macrofagi, una proliferazione dei linfociti nella milza ed altri effetti immunomodulatori17.

Studi condotti su animali hanno evidenziato delle presunte proprietà antitumorali attribuibili alle bacche di Goji.

Nonostante questi risultati preclinici, bisogna sottolineare che non vi sono evidenze affidabili di effetti clinici sull’uomo.

Gli studi ad oggi pervenuti sono stati fatti principalmente in Cina e sono focalizzati a valutare gli effetti delle bacche o dei frutti di Goji in condizioni patologiche legate all’invecchiamento.

Molti studi coinvolgono un numero ristretto di soggetti e non hanno nel disegno sperimentale gli adeguati controlli. Molti dati in letteratura sono inoltre presenti solamente come abstract, perché i dati originali in lingua cinese sono difficili da ottenere.

In molti casi, inoltre, non viene ben spiegato da quale piante provenga la bacca che è stata somministrata, L. barbarum o L. chinense18.

Modalità di assunzione

Il dosaggio consigliato per permettere ai principali componenti di espletare possibili effetti benefici è di 15 grammi di bacche al giorno.

L’assunzione delle bacche di Goji è virtualmente priva di effetti tossici dimostrati.

A fianco di una lunga tradizione di utilizzo come erba medicale, non vi è, infatti, in pratica alcun report ufficiale di effetti collaterali ascrivibili al frutto o alla bacca di Goji. Sono stati documentati solo pochi casi di reazioni allergiche simili all’orticaria o rash cutaneo19.

Sono stati riportati, tuttavia, casi di interazioni farmacologiche con farmaci regolatori della pressione, anticoagulanti, antidiabetici.

L’elevata quantità di selenio contenuta nei semi potrebbe, inoltre, rappresentare un potenziale pericolo per la salute di donne in gravidanza e per i lattanti.

Diversi consumatori riportano, inoltre, effetti indesiderati al tratto gastro-intestinale, quali bruciore e dolore allo stomaco, dissenteria, ecc.

A tale riguardo è bene ricordare che, oltre agli effetti dovuti ai componenti delle sostanze assunte (che si possono documentare in maniera precisa), bisogna considerare anche i rischi introdotti dalla manipolazione, trasformazione industriale e conservazione dei prodotti alimentari.

Le bacche di Goji vengono per lo più da paesi lontani che non hanno le strette norme di vigilanza dell’Unione Europa e dell’Italia in particolare. Potrebbero quindi contenere aflatossine (tossine che si possono formare per lunghi stazionamenti in silos), pesticidi e anticrittogamici, per cui è importante rivolgersi a distributori sicuri, che forniscano garanzie rispetto ai criteri fitosanitari e sottopongano il prodotto finito a rigorosi controlli di qualità.

Conclusioni

L’assunzione di bacche di Goji è consigliata se:

  • sei in buona salute;
  • acquisti prodotti controllati e di alta qualità;
  • assumi una quantità massima non superiore a 15 grammi/die (magari partendo da dosi basse per poi raggiungere la dose finale, comunque non superiore a quella indicata);
  • hai il parere positivo del tuo medico di famiglia.

Non è invece consigliata se:

  • stai seguendo terapie farmacologiche con farmaci antipertensivi, antidiabetici, anticoagulanti;
  • sei in stato di gravidanza o stai allattando;
  • hai sensibilità o allergie ad uno o più sostanze contenute nelle bacche (vedi elenco sopra).

1

Xie C., Xu L.Z., Li X.M., Li K.M., Zhao B.H., Yang S.L., (Studies on chemical constituents in fruit of Lycium barbarum L. J Chin Mater Med, 2001. 26: p. 323-324.

2

Wang Q., Qiu Y., He S.P., Chen Y.Y.,  Chemical constituents of the fruit of Lycium barbarum L. J Chin Pharm Sci, 1998. 7: p. 218-220.

3

Wang J.H.,Wang J.M., Li L., Zhang M., Zhang S.H.,  Isolation, purification and structure characteristics of Lycium barbarum polysaccharide LBP2a. Food, 2002. 23: p. 44-48.

4

Kim H.P., Lee E.J., Kim Y.C., Kim J., Kim H.K., Park J.H., Kim S.Y., Kim Y.C.,  Zeaxanthin dipalmitate from Lycium chinense fruit reduces experimentally induced hepatic fibrosis in rats. Biol Pharm Bull, 2002. 25: p. 390-392.

5

Wang J.H., Wang H.Z., Zhang M., Zhang S.H., Effects of Lycium barbarum polysaccharides (LBP3) on lipid peroxidation in mice. Chin J Vet Sci, 2002. 22: p. 267-268.

6

Gan L., Zhang S.H., Liu Q., Xu H.B., A polysaccharide-protein complex from Lycium barbarum upregulates cytokine expression in human peripheral blood mononuclear cells. Eur J Pharmacol, 2003. 471: p. 217-222.

7

Wang J.H.,Wang H.Z., Zhang M., Zhang S.H., Anti-aging function of polysaccharides from Fructus lycii. Acta Nutrimenta Sin, 2002. 24: p. 189-191, 194.

8

Huang L.J., Tian G.Y., Wang Z.F., Dong J.B., Wu M.P., Studies on the glycoconjugates and glycans from Lycium barbarum L. in inhibiting low density lipoprotein (LDL) peroxidation. Acta Pharm Sin, 2001. 36: p. 108-111.

9

Kim S.K., Kim Y.C., Kim Y.C., Effects of singly administered betaine on hepatotoxicity of chloroform in mice. Food Chem Toxicol, 1998. 36: p. 655-661.

10

Ren B., Ma Y., Sheng Y., Gao B., Protective action of Lycium barbarum L. (LbL) and betaine on lipid peroxidation of erythrocyte membrane induced by H2O2. China J Chin Mater Med, 1995. 20: p. 303-304.

11

Pharmacopoeia of the People’s Republic of China (2000). Beijing: Chemical Industry Press.

12

Seddon J.M., Ajani U.A., Sperduto R.D., Hiller R., Blair N., Burton T.C., Farber M.D., Gragoudas E.S., Haller J., Miller D.T., Yanmuzi L.A., Willett W., Dietary carotenoids, vitamins A, C, and E, and advanced age-related macular degeneration. J Am Med Assoc, 1994; 272: p. 1413-1420.

13

Li X.M., Li X.L., Zhou A.G., Evaluation of antioxidant activity of the polysaccharides extracted from Lycium barbarum fruits in vitro. Eur Polymer J, 2007. 43: p. 488-497.

14

Li X.L., Zhou A.G., Evaluation of the antioxidant effects of polysaccharides bextracted from Lycium barbarum. Med Chem Res, 2007. 15: p. 471-482.

15

Le K., Chiu F., Ng K., Identification and quantification of antioxidants in Fructus lycii. Food Chem, 2007. 105: p. 353-363.

16

Ming M., Guanhua L., Zhanhai Y., Guang C., Xuan Z., Effect of the Lycium barbarum polysaccharides administration on blood lipid metabolism and oxidative stress of mice fed high-fat diet in vivo. Food Chem, 2009. 113: p. 872-877.

17

Gan L., Zhang S.H., Yang X.L., Xu H.B., Immunomodulation and antitumor activity by a polysaccharide-protein complex from Lycium barbarum. Int J Immunopharmacol, 2004. 4: p. 563-569

18

Potterat O., Goji (Lycium barbarum and L. chinense): Phytochemistry, pharmacology and safety in the perspective of traditional uses and recent popularity. Planta Med, 2010 Jan. 76(1): p. 7-19. doi: 10.1055/s-0029-1186218. Epub 2009 Oct 20.

19

Bensky D., Clavey S., Stöger E., Chinese herbal medicine, 3rd edition. Materia Medica. Seattle: Eastland Press, Inc.; 2004.

Tag

antiossidanti 5 integratori 26 nutrizione 60 salute e benessere 37 super food 5

©
ATTENZIONE

Ogni utilizzo dei contenuti non preventivamente autorizzato o comunque difforme da quanto previsto dalle Condizioni Generali è severamente vietato, sanzionato dalla legge e potrà essere perseguito nelle sedi giudiziarie competenti.

Eventuali richieste di autorizzazione possono essere sottoposte alla redazione di TrainingPedia esclusivamente compilando l'apposito form.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

© Tutti i diritti riservati Youcan srl ssd — Via Candiani 121, 20158 Milano — P. IVA 06398320967 — REA MI-1890514
credits: Luca Ramundo