Reverse crunch

Muscoli coinvolti

Il Reverse crunch coinvolge principalmente il retto dell’addome, gli obliqui esterni e gli obliqui interni.

Se eseguito correttamente, l’azione dei muscoli flessori dell’anca è contenuta.

Esecuzione

Sdraiati supini su una panca, mantenendo le ginocchia flesse, si solleva il bacino, adducendo il pube allo sterno.

Il movimento del bacino è accompagnato da una limitata flessione dell’articolazione dell’anca.

Nella fase eccentrica, si ritorna alla posizione di partenza, avendo cura di arrestare l’estensione dell’anca poco oltre i 90°, e comunque prima che la zona lombare si iperestenda.

L’esecuzione deve essere lenta e controllata. Bisogna evitare di slanciare le gambe.

Note

Inclinando la panca, la difficoltà dell’esercizio aumenta.

Reverse crunch alle parallele

Il Reverse crunch alle parallele è una variante più complessa. Richiede l’azione di diversi gruppi muscolari per sostenere e stabilizzare il corpo.

A differenza della variante su panca, dove la massima intensità del carico è applicata nella fase iniziale del movimento, nella variante alle parallele è nel punto di massima contrazione che si riscontra il carico più alto.

Per non sovraccaricare eccessivamente l’articolazione scapolo omerale, è necessario spingere con forza i gomiti verso il basso.

Tag

addome 5 esercizi 63 fitness 46 tronco 29

©
ATTENZIONE

Ogni utilizzo dei contenuti non preventivamente autorizzato o comunque difforme da quanto previsto dalle Condizioni Generali è severamente vietato, sanzionato dalla legge e potrà essere perseguito nelle sedi giudiziarie competenti.

Eventuali richieste di autorizzazione possono essere sottoposte alla redazione di TrainingPedia esclusivamente compilando l'apposito form.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

© Tutti i diritti riservati Youcan srl ssd — Via Candiani 121, 20158 Milano — P. IVA 06398320967 — REA MI-1890514
credits: Luca Ramundo