Crunch addominale

Muscoli coinvolti

Il Crunch coinvolge tutta la muscolatura addominale. In particolar modo stimola il retto dell’addome, isolandolo dall’intervento dei muscoli flessori dell’anca.

Esecuzione

Sdraiati supini con le gambe flesse ed i piedi a terra, si compie una leggera retroversione del bacino in modo da far aderire al suolo la colonna vertebrale.

Da questa posizione, espirando, si esegue una flessione del busto di circa 30°. Visivamente, le scapole devono staccarsi dal pavimento.

Dal punto di massima flessione, inspirando, si ritorna lentamente nella posizione di partenza.

La tensione della muscolatura addominale va mantenuta anche quando le spalle sono completamente appoggiate a terra.

Note

Il capo deve restare in posizione neutra durante tutta l’esecuzione. Applicare una leggera pressione laterale con le dita, aiuta a sostenerlo.

Incrociando le mani dietro la nuca, invece, si incorre nel comune errore di trazionare il collo, che si verifica soprattutto in prossimità del cedimento muscolare.

Lo svuotamento della cavità addominale

Per aumentare l’efficacia dell’esercizio, occorre svuotare la cavità addominale attraverso l’attivazione del muscolo trasverso.

Questa condizione permette di raggiungere un maggior grado di flessione durante la fase concentrica e di conseguenza un maggior accorciamento del muscolo retto addominale.

I muscoli flessori dell'anca

Il Crunch è un esercizio finalizzato all’allenamento specifico della muscolatura addominale.

I muscoli flessori dell’anca non devono quindi essere coinvolti.

Per inibire la loro azione, è utile esercitare una pressione dei talloni sul pavimento, al fine di attivare la muscolatura antagonista.

È importante, inoltre, non superare il punto di massima flessione. Questo, infatti, comporterebbe inevitabilmente un coinvolgimento dell’ileo psoas e del retto femorale.

Le varianti che prevedono il movimento delle gambe, attivano in modo massiccio i flessori dell’anca. Sono quindi adatte all’allenamento di questi ultimi, ma meno efficaci per l’allenamento dell’addome.

L’addome, infatti, collega la gabbia toracica al bacino, ma non ha nessun punto di contatto con gli arti inferiori.

Crunch con torsione laterale del busto

Aggiungendo una torsione del busto al movimento di flessione del tronco, si ottiene un maggior coinvolgimento dei muscoli obliqui.

Eseguendo questa variante, l’errore più frequente in cui si incorre è quello di iniziare la torsione quando si è ancora con le spalle in appoggio, riducendo così l’azione del retto addominale.

Altre varianti

Il retto addominale è un muscolo balistico, composto per circa il 56% da fibre veloci. Risponde bene, quindi, anche ad allenamenti con sovraccarichi, come ad esempio un disco di ghisa mantenuto sulla verticale.

Utilizzare una fitball o una cupola propriocettiva, consente di aumentare la sollecitazione della muscolatura stabilizzatrice, ovvero gli obliqui esterni ed interni ed il trasverso dell’addome.

In questo caso il muscolo trasverso si attiva naturalmente per mantenere l’equilibrio sull’attrezzo.

Rispetto al Crunch a terra, l’utilizzo della fitball o della cupola propriocettiva permette un maggiore allungamento del retto dell’addome e offre un sostegno al tratto lombare.

Tag

addome 5 esercizi 63 fitness 45 tronco 29

©
ATTENZIONE

Ogni utilizzo dei contenuti non preventivamente autorizzato o comunque difforme da quanto previsto dalle Condizioni Generali è severamente vietato, sanzionato dalla legge e potrà essere perseguito nelle sedi giudiziarie competenti.

Eventuali richieste di autorizzazione possono essere sottoposte alla redazione di TrainingPedia esclusivamente compilando l'apposito form.

4 commenti

salve, vorrei sapere se è sbagliato eseguire il crunch addominale con le gambe unite e non leggermente divaricate ? grazie 1000 !!!!!!

rockbest, 27 ottobre 2015 alle 13:00 Rispondi

    Gentile @rockbest,
    Non è un errore svolgere il crunch addominale con le gambe unite, ma nel caso di un crunch a terra classico, la posizione può risultare poco agevole e non apportare ulteriori benefici.
    Diversamente se si tratta di un crunch svolto su un attrezzo propriocettivo, quali bosu o fitball. In questo caso dall’ampiezza delle gambe in appoggio deriva il grado di stabilità: più le gambe saranno tra loro vicine e più difficile risulterà l’esecuzione dell’esercizio, richiedendo un maggior coinvolgimento degli stabilizzatori del tronco, in particolare, obliqui interni ed esterni e trasverso dell’addome.

    admin, 27 ottobre 2015 alle 17:24 Rispondi

Buongiorno, ho letto la spiegazione molto tecnica ed esaustiva…vorrei sapere, dato che mi iscriverò in palestra, se questa “pratica” la potrò fare pure lì, magari con un aiutino da parte del personal trainer almeno le prime volte; io ho 68 anni e sono abbastanza attiva, si possono ottenere risultati anche alla mia età?
Grazie per la vostra risposta

Pasqualina

Pasqualina, 19 agosto 2018 alle 7:55 Rispondi

    Gentile Pasqualina, innanzitutto grazie per averci scritto. Recandosi in palestra potrà eseguire molti degli esercizi affrontati qui su TrainingPedia, ma come ha ben sottolineato nel suo commento, è fondamentale che si affidi ad un bravo PT che sappia guidarla nell’apprendimento dei movimenti corretti e nella scelta degli esercizi più indicati per la programmazione del suo allenamento. Ad esempio, un esercizio come il crunch addominale non è molto adatto alle donne, specialmente una volta superati i 40 anni d’età.
    Un grosso augurio da parte di tutta la redazione.

    Redazione, 18 settembre 2018 alle 10:05 Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

© Tutti i diritti riservati Youcan srl ssd — Via Candiani 121, 20158 Milano — P. IVA 06398320967 — REA MI-1890514
credits: Luca Ramundo